fbpx

Suonoterapia: tutti i benefici del “bagno sonoro”

 In Suonoterapia

Negli ultimi anni le tecniche terapeutiche e di rilassamento basate sul “bagno” si sono moltiplicate ovunque. Penso ad esempio al bagno nel fieno, proposto da alcune strutture alberghiere e diverse SPA, ma anche alla forest bathing, una pratica di immersione totale nel bosco e più in generale nella natura. Non c’è da stupirsi quindi se anche la suonoterapia sia considerata benefica da molti dei suoi praticanti. Come ho potuto constatare io stesso, il bagno sonoro permette di raggiungere uno stato di benessere paragonabile se non superiore a quello di altri metodi, olistici e non. L’approccio, come suggerisce il nome, è basato sull’utilizzo di strumenti musicali dal timbro sonoro armonico particolare (altro termine usato è musicoterapia), in grado di entrare in risonanza con le cellule del nostro organismo e a riportarle a loro stato vibratorio naturale.

Questo effetto si può ottenere sia attraverso la creazione di suoni con la nostra voce e anche la trasmissione di diverse combinazioni di frequenza sonore ai tessuti del nostro corpo con appositi strumenti (Vibroacustica), che ascoltando dei suoni con le nostre orecchie e il nostro corpo, in quanto il suono entra nelle nostre orecchie e nel nostro cervello, influenzando il nostro sistema nervoso. Così il nostro battito cardiaco, le onde cerebrali e la respirazione sono tutti influenzati dai suoni che sentiamo (Psicoacustica). Per farti capire il fenomeno in maniera semplice ed empirica, una forma di psicoacustica potrebbe essere quello che accade quando, ascoltando per caso una brano mentre guidiamo, ci sentiamo improvvisamente euforici e allegri, e cominciamo a cantare a squarciagola senza apparente motivo.

Comportamenti analoghi possiamo osservarli nei bambini. Non appena una musica, anche solo strumentale, risuona nella stanza, ecco che inizia una danza frenetica per esprimere la felicità provata. In fondo non c’è nulla di nuovo in tutto questo: se guardiamo al nostro passato, scopriamo che la suonoterapia trae le sue origini da abitudini molto antiche, vedi le festività tribali in cui i nostri avi suonavano tamburi e altri strumenti “primitivi” per darsi coraggio, curare, entrare in tranche, ecc. La moderna suonoterapia si pone l’obiettivo di recuperare questo patrimonio di conoscenze e riproporne i benefici a un pubblico di uomini e donne di qualunque età, disposti a sperimentare gli effetti del suono sul fisico e sulla mente. In questo articolo voglio spiegare a chi mi segue quali sono questi benefici e come goderne appieno. Per farlo, partiamo dal concetto di cimatica.

LA SCIENZA DELLE ONDE SONORE: PRINCIPI DI CIMATICA

La scoperta delle potenzialità morfogenetiche delle onde sonore sulla materia è legata al nome del fisico Ernst Chladnì dapprima e dello studioso, medico e naturalista svizzero Hans Jenny in seguito. Questi, nel 1967, pubblicò un primo volume in cui raccoglieva le conclusioni delle sue ricerche. Il titolo, Cimatica: Lo studio dei fenomeni ondulatori, includeva al suo interno il neologismo cimatica, coniato dallo stesso Hans per indicare lo “studio riguardante le onde” (dal greco kymatika). Attraverso una ricca documentazioni fotografiche, lo studioso svizzero descrisse gli effetti delle vibrazioni sonore sui fluidi, sulle polveri, sui liquidi e sugli impasti. L’opera di Hans fu di ispirazione per una serie di eredi che negli anni successivi avrebbero ampliato il raggio d’azione della cimatica, valutandone l’impatto non solo sulla materia inerte ma anche sull’essere umano. Da qui ai giorni nostri il passo è breve: l’avvento di realtà istituzionali come la Cyma Technologies in Georgia, USA, ha portato la cimatica a nuovi vertici di conoscenza.

I BENEFICI DEL BAGNO SONORO: DALL’UMORE AL SONNO

Nel marzo 2019 ho avuto la fortuna di conseguire il master in Terapia Cimatica presso la Cyma Technologies. Qui ho sperimentato il metodo di tecnologia del suono più avanzato, finalizzato all’identificazione delle combinazioni di frequenze associate a tessuti e sistemi di organi in salute. Nello stesso anno sono diventato ufficialmente un tecnico del modello di musicoterapia dello psichiatra argentino Rolando Benenzon. Entrambe le esperienze mi hanno confermato ciò che in parte già conoscevo dal mio precedente lavoro: il suono e la musica producono benefici trasversali, che variano con il variare degli strumenti impiegati, del numero di sedute e del tipo di problematica sofferta. Nei limiti delle mie osservazioni, riepilogo di seguito una breve lista di questi benefici:

  • Riduzione di problemi legati allo stress, come ad esempio mal di testa, insonnia, debolezza cronica, nausea, ecc.
  • Prevenzione dello sviluppo della sindrome da burnout
  • Riduzione di disturbi di ansia e delle probabilità di attacchi di panico
  • Bilanciamento degli sbalzi d’umore
  • Riduzione dei disturbi psicosomatici
  • Miglioramento delle capacità di concentrazione
  • Riequilibrio dei centri energetici del corpo

E questo solo per fornire una breve lista a titolo indicativo! Ho potuto rilevare gli effetti benefici del trattamento combinato tra musicoterapia e suonoterapia negli adulti come anche nei soggetti più giovani. Tra questi, c’erano anche bambini e ragazzi affetti da disturbi del neurosviluppo, incluso lo spettro autistico.

Visita la pagina dedicata alla musicoterapia per casi di autismo.

I riscontri positivi che si possono ottenere da un ciclo di sedute di suonoterapia, insomma, sono davvero illimitati, e non si fermano certo allo stato di leggera spensieratezza dato dall’ascolto di un brano di musica classica o di musica d’ambiente. Perfino durante la gravidanza è consigliabile sottoporsi a bagni sonori di musica!

Ecco la sezione dedicata alla musicoterapia in gravidanza.

Ma come si svolge in concreto un bagno sonoro?

LE SEDUTE DI SUONOTERAPIA: TECNICHE, MODALITA’ E STRUMENTI

Bagno sonoro benefici

Come musicoterapeuta so bene quando proporre un percorso di suonoterapia. Non tutti sono pronti subito, e non tutti sono pronti allo stesso modo. Per cominciare è sempre bene confrontarsi in via preliminare, anche online, cercando di analizzare la situazione, le cause del disagio, le condizioni attuali, eventuali timori e paure… affrontato questo passaggio, si passa alla fase operativa, programmando un ciclo di sedute sia in presenza che da remoto, in questo secondo caso attraverso piattaforme di condivisione dei contenuti. Di prassi, sulla base dell’anamnesi iniziale, individuo gli strumenti che reputo migliori per ottenere i benefici sperati. La lista di strumenti musicali che utilizzo più spesso comprende:

  • campane tibetane
  • tamburo sciamanico
  • bastone della pioggia, un lungo tubo contenente granellini (o semplici sassolini) che quando il bastone viene capovolto emettono un suono simile alla pioggia battente
  • ocean drum, una specie di tamburello con all’interno piccole sfere che rotolano nel momento in cui lo strumento viene inclinato, riproducendo il suono delle onde che si infrangono sulla spiaggia
  • gong, di varia misura, da quelli molto piccoli ai più grand

Le sedute seguono un approccio collaudato, che tuttavia lascia ampio spazio all’improvvisazione. È fondamentale del resto notare le reazioni di ogni individuo all’apparire di un nuovo suono o al prolungarsi di una melodia. Ogni bagno sonoro è differente proprio perché, oltre a chiamare in cause combinazioni di strumenti diverse, coinvolge persone con background, aspettative e storie peculiari.

LE SESSIONI DI SUONOTERAPIA ONLINE (LIVE E ON DEMAND)

La suonoterapia si svolge nel rispetto delle tempistiche e disponibilità di ciascuno, sia da soli che in coppia o anche in gruppo. Il bagno sonoro ha senza dubbio un’efficacia e un impatto maggiori se fruito dal vivo, ma è possibile seguire la sessione anche a distanza tramite Internet. In questo scenario si aprono due alternative principali:

  • Suonoterapia online live

La sessione di suonoterapia live si svolge in diretta via Skype, su appuntamento. Ti guiderò in un percorso che comprende la preparazione respiratoria, la meditazione guidata e il rilassamento tramite tecniche di mindfulness con sottofondo musicale, monitorando i progressi e l’evoluzione del tuo stato mentale.

  • Suonoterapia online on demand

La sessione di suonoterapia on demand è una lezione registrata, e nella fattispecie un video dove alle immagini si accompagnano paesaggi sonori rilassanti e curativi, coordinati insieme per incrementare la pace interiore e l’equilibrio psicologico.

E I CORSI DI MUSICOTERAPIA E MINDFULNESS QUI & ORA

Se hai la possibilità di venire nel mio studio in provincia di Lecce, ti consiglio di visitare la pagina In studio session, dove ho raccolto l’intera proposta formativa dei corsi di musicoterapia e mindfulness Qui & Ora. Troverai corsi personalizzati, sessioni di suonoterapia, sedute di terapia cimatica e tanto altro. Non ti resta che passare all’azione e scoprire i benefici della suonoterapia sotto la guida di un musicoterapeuta qualificato. Contattami senza impegno per maggiori informazioni o acquista il tuo corso online in autonomia!

 

Post recenti
0