fbpx

MUSICOTERAPIA E GRAVIDANZA

 In Musicoterapia

Sono ormai innumerevoli le applicazioni della Musicoterapia sia in Italia che all’estero che coinvolgono, a pieno titolo, tale disciplina nei percorsi di accompagnamento alla nascita. Le donne in gravidanza affrontano una serie di cambiamenti non solo fisici ma anche psicologici in quanto i continui mutamenti che avvengono durante i nove mesi sono talvolta accompagnati da momenti di ansia, stress, paura e affaticamento che possono impedire alla donna di vivere questo straordinario momento della vita in serenità.

L’ascolto di musica ma anche l’uso di strumenti musicali attraverso tecniche musicoterapiche, può aiutare le future mamme a raggiungere uno stato di rilassatezza, a contenere e /o incanalare stati di ansia, a raggiungere e mantenere uno stato di benessere psico/emotivo, oltre che ad avviare un percorso di riconoscimento, accettazione e relazione col feto.

Sapete qual’è il primo senso che si sviluppa nel feto? l’udito. Ecco perchè Musicoterapia e gravidanza hanno quindi un legame molto stretto. Le sessioni di musicoterapia in gravidanza vengono proposte solitamente dal quinto mese di gravidanza in poi in quanto a partire dalla 27^ settimana di gravidanza, il feto è in grado di udire distintamente il suono della voce materna e di altri membri della famiglia, suoni con frequenze basse e acute, nonché di percepire il ritmo.

Come Ascoltare la musica in Gravidanza

Il modo migliore per fruire della musicoterapia in gravidanza è quello di dedicarsi due momenti distinti durante la giornata, preferibilmente in tarda mattinata prima di pranzo e nel tardo pomeriggio.

Il primo momento, in posizione adagiata e/o seduta della durata di 20/30 minuti circa, lo si può dedicare all’ascolto di musica classica che emette luce, gioia, allegria, sicurezza ed energia.

Come primo approccio con la musica classica consiglio di ascoltare brani di compositori come Mozart, Debussy, Vivaldi e Brahms, così come consigliato di seguito, affinché possiate creare quel bellissimo rapporto tra musica e feto.

E’ da tener presente che l’ascolto musicale favorisce il dialogo tra la gestante e il feto e, se continuato anche dopo la nascita, costituisce un ponte tra prima e dopo di grande importanza per favorire un armonioso sviluppo del bambino.

Qui di seguito alcuni brani di musica classica adatti l’ascolto in gravidanza:

Brahms - Concerto in D Major Op.77 - Adagio

Mozart - Sonata for Two Pianos in D, K. 448

Mozart - Piano Concerto No. 21 in C major Andante

Claude Debussy - Clair de Lune

Ludovico Einaudi - Nuvole Bianche

Il secondo momento da dedicare all’ascolto, sempre della durata di 20-30 minuti, è momento piacevole per ottenere il rilassamento psichico-mentale nel tardo pomeriggio. Il rilassamento che deriva dall’ascolto infatti contribuisce, come rilevato da diversi studi, ad abbassare le tensioni, a regolarizzare il battito del cuore e la pressione del sangue. Inoltre la musica favorisce la formazione di endorfine, sostanze naturali che allontanano lo stress e favoriscono uno stato generale di benessere.

In questa parte consiglio di ascoltare anche le ninne nanne e melodie rivolte al neonato e anche brani rilassanti con un’accordatura a 432 hz che genera una naturale risonanza con le frequenze alla base del nostro organismo. Se ne vuoi sapere di più ti invito a leggere il mio articolo al riguardo: Accordatura a 432 HZ : Tutto ciò che c’è da sapere

Qui alcuni brani di musica rilassante da ascoltare in questa fase:

Sound Meditation with Simone Gatto

432Hz 》Nature's Healing Music

Simone Gatto - The Golden Ratio

OM SO HUM - I am the Universe

Emiliano Toso - Music for Cells

L’effetto ‘Mozart’ in gravidanza

Diverse e non ancora completamente inconfutabili, sono le teorie sull’effetto mozart’ secondo le quali l’ascolto dei brani di Mozart possa avere un effetto causale sull’innalzamento del livello del QI del feto.
Secondo la teoria elaborata da G. Shaw e F. Rauscher nei primi anni 90, l’ascolto di una sonata di Mozart da parte di un gruppo di volontari (Sonata in re maggiore per due pianoforti KV 448), avrebbe prodotto un aumento , seppur temporaneo, delle capacità cognitive. L’esperimento, pubblicato sulla rivista “Nature”, venne successivamente contestato da altri ricercatori, in quanto i risultati non furono replicabili da altre esperienze simili. Solo nel 1998, alcuni studi condotti nel dipartimento di psicologia del Wisconsin dimostrarono che l’ascolto di Mozart aumentava temporaneamente l’intelligenza spazio-temporale.

In base a queste premesse, si è diffusa l’idea che anche l’ascolto di Mozart in gravidanza possa influenzare il sistema nervoso, producendo effetti sul QI del nascituro, aumentandone il livello, ma queste restano solo teorie ancora da confutare e dimostrare. Resta, ovviamente indiscusso l’effetto benefico dell’ascolto di musica classica in gravidanza.

L’uso della voce materna

Pochi di noi sanno che la voce (quindi soprattutto la voce materna in gravidanza) oltre ad essere utilizzata nel canto strutturato è un potentissimo strumento di auto-guarigione e trasformazione. Molti dei dati scientifici sugli effetti del suono auto-creato con la nostra voce (humming, oltre a intonare tutti i suoni delle vocali) indicano alcuni importanti benefici fisiologici. Essi includono:

  • Aumento dell’ossigeno nelle cellule
  • Abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaco
  • Aumento della circolazione linfatica
  • Aumento dei livelli di melatonina
  • Riduzione dei livelli di ormoni legati allo stress
  • Rilascio di endorfine
  • Aumento della produzione di interleuchina-l, una proteina associata al sangue e alla funzione immunitaria
  • Aumento dei livelli di ossido nitrico (NO), una molecola associata alla promozione della guarigione
  • Rilascio di ossitocina, l’ormone della fiducia.

Soprattutto durante il travaglio le future mamme sono concentrate solo su ciò che sta succedendo al proprio corpo e il canto naturale sotto forma di dolce lamento è di grandissimo aiuto per lasciare andare il dolore che si presenta ad ondate.

Così attraverso un canto libero e privo di giudizio, secondo un personalissimo schema di utilizzo e declinazione, la Musicoterapia aiuta le mamme durante la gravidanza alla riscoperta della propria espressività. Dal canto più semplice e più destrutturato possono nascere inoltre ninne nanne autentiche e personalizzate; dal canto abbinato a parole, possono nascere filastrocche per il proprio bambino: ogni mamma ha la possibilità di creare un percorso musicale personalizzato per sé e per il proprio bambino, da utilizzare durante la gestazione, custodire e riscoprire dopo la nascita.

Percorso di Accompagnamento alla nascita

Il corso preparto, noto anche come corso di accompagnamento alla nascita è un appuntamento importantissimo che non deve essere sottovalutato e che consente ai futuri genitori di affrontare con maggiore serenità e sicurezza il momento del parto e tutto quello che accade prima e dopo di esso.

Da tempo mi occupo di organizzare corsi preparto in provincia di lecce che consistono in dieci incontri con cadenza settimanale in cui le future mamme vengono accolte dal quinto mese in poi. Non solo quindi musicoterapia e gravidanza ma grazie ad un’equipe formata da ostetrica, musicoterapeuta, naturopata, nutrizionista, educatrice premaman e psicoterapeuta si permette alla futura mamma di vivere con serenità i nove mesi dell’attesa, ma anche di apprendere molte nozioni e tecniche pratiche che le saranno concretamente d’aiuto nel momento del parto. Alcuni esempi sono il riconoscimento delle contrazioni, la gestione del dolore del parto, le tecniche di rilassamento, informazioni sull’accudimento del bambino ma anche tutte le questioni psicologiche associate a questo periodo.

Per maggiori informazioni sui corsi preparto in provincia di Lecce contattami qui:

Post recenti
Scrivimi

Contattami per qualsiasi informazione

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
0
gestire le emozioni con meditazione e musica